• ZUM ZERI, il rifugio, il ristorante, l'ostello vi aspettano Per informazioni: 0187 1981342 / 334 7190672

  • ZUM ZERI, il rifugio, il ristorante, l'ostello vi aspettano Per informazioni: 0187 1981342 / 334 7190672

  • ZUM ZERI, il rifugio, il ristorante, l'ostello vi aspettano Per informazioni: 0187 1981342 / 334 7190672

  • ZUM ZERI, il rifugio, il ristorante, l'ostello vi aspettano Per informazioni: 0187 1981342 / 334 7190672

  • ZUM ZERI, il rifugio, il ristorante, l'ostello vi aspettano Per informazioni: 0187 1981342 / 334 7190672

CUCINA E PIATTI TIPICI Info 0187 1981342

IL RIFUGIO

IMPIANTI: APERTI

IMPIANTI APERTI

IMPIANTI:APERTI

GRAN BAITA

Accoglienza, ospitalità e comfort Info 334 7190672

GRAN BAITA

METEO APUANE

METEO

In questo momento allo Zum...

ZUMCAM


È accaduto quest’anno, infatti, che la stazione sciistica dell’Alta Lunigiana sia stata affidata all’ ASD “Ginnastica Sport Servizi” di La Spezia, presieduta proprio da Maurizio Viaggi: un’associazione che da anni, nello spezzino, si occupa della gestione di diversi impianti sportivi e che opera, con passione e senza fini di lucro, per una promozione e valorizzazione dello sport, prima di tutto in chiave sociale e andando incontro ai “difficili tempi moderni”, dunque senza troppo gravare sulle tasche della gente. Da quest’idea fondante di ‘sport per tutti’ e dalla collaborazione col Comune di Zeri nasce la politica tariffaria del nuovo complesso Zum che, combinata all’offerta naturale di cui dispone, si mostra a noi ‘possibili clienti’ come una vicina oasi felice. Certo, l’investimento fatto in termini economici e umani è importante ma basta parlare con chi vi lavora o seguire online i costanti aggiornamenti per vedere che questo trae un forte nutrimento da ciò che c’è davvero di condiviso, un profondo amore per il territorio: quella passione che si ritrova nel lavoro dei gestori ma anche degli ‘addetti ai lavori’, di cui moltissimi volontari, impegnati nelle varie mansioni; quella passione che si spera coinvolgerà tantissime persone, ora e in futuro, perché scoprano e riscoprano tutto quel che di bello abbiamo qua, a due passi. “

Ciò che è stato fatto qui ormai trenta, quaranta anni fa è qualcosa di geniale: grande merito va certamente alle persone che hanno reso possibile tutto questo (Enzo Monali e Ugo Nadotti, ndr), con coraggio ed esperienza, nonché valori e ‘tempi’ diversi; ma in ciò che loro hanno fatto in quegli anni ‘lontani’ c’è qualcosa che torna oggi molto attuale, ossia la necessità di ripensare il territorio, per chi lo vive soprattutto e per chi viene da fuori” – ci dice Maurizio Viaggi, perché – “è importante che zeraschi e non capiscano che Zeri offre moltissime possibilità, anche dal punto di vista turistico e anche perché crocevia di più regioni, dal momento che si affaccia e si rivolge direttamente alla Lunigiana e alla Toscana ma anche ad Albareto, al parmense e all’Emilia, e poi al genovesato, allo spezzino e alla Liguria. È assurdo lasciare che siano smobilitate strutture come queste, quando mantenerli consente di avere presidi sul territorio, utili anche alla salvaguardia dell’ambiente: perché se l’abbandono di un territorio ha ripercussioni sociali importanti, non bisogna dimenticare cosa significhi in termini ‘ambientali’ lasciare a se stessi montagne e colline”.

Sono concetti che Viaggi sottolinea con forza perché la loro azione è ambiziosa: l’idea è infatti quella di sfruttare tutto l’anno concessogli – sperando sia solo un punto di partenza. D’altra parte sarebbe quasi “egoistico” definire l’offerta zerasca solo per la stagione invernale, viste le numerose possibilità che lo stesso territorio offre di per sé e 365 giorni l’anno, per storia e cultura, eccellenze gastronomiche a kilometro zero e la possibilità di vivere la montagna appieno, con escursioni, trekking e altre attività. Si parte dallo ‘sci’, insomma, per un rilancio globale di una risorsa troppo importante per essere lasciata morire.

Essendo in pieno inverno ed ‘essendo che nevica’, però, ecco cosa offre in questo preciso momento lo Zum. Grazie alla riapertura dopo anni del “Ceppo 15”, con la rimessa in sesto dello skilift, si può godere di tutto il comprensorio e di un’offerta per il cliente a 360°, e grazie alla rimessa a norma dell’Ostello “Gran Baita”, con il suo Self Service e assieme al Rifugio “Il Faggio Crociato” è a disposizione un pacchetto completo. Attivi soprattutto dal periodo pre-natalizio, i nuovi gestori hanno potuto richiamare molte persone al Passo dei Due Santi in occasione del cenone di Capodanno e, grazie alla prima vera neve delle ultime due settimane, hanno potuto aprire gli impianti (da oggi anche infrasettimanalmente), con un buon numero di presenze e riscontrando un certo ‘successo’ anche online.

Sono costanti infatti gli aggiornamenti sia tramite social network (Facebook e Instagram) sia tramite il sito internet – www.zumzeri.eu: qui si trovano tutte le informazioni su impianti e piste, punti di ristoro e hotel, condizioni meteo e attività, servizi e prezzi, e vi è inoltre la possibilità di acquistare online il proprio skipass. All’attivo diverse collaborazioni, come quella con “Farfalle in Cammino” – che, fra le altre cose, ha organizzato proprio ieri una felice ciaspolata di gruppo – e come quella con lo Sci Club di Pontremoli. Da quest’ultima collaborazione nasce, per esempio, l’idea di passare un San Valentino decisamente speciale: fra fiaccolate, l’occasione di sciate gratis in notturna e la possibilità di cenare e dormire al Passo dei Due Santi. Molte le idee e grandi le speranze: certo un nuovo modo di pensare e vivere lo Zum, ma non solo.

[fonte: scritto da Francesca Fontana  http://ecodellalunigiana.it/un-nuovo-zum-fatto-di-passione-e-grandi-speranze/]

 

ZUMCAM

ZUMCAM 2

ZUMCAM 3